anciens de SIEGEN


Pas mal de temps même, si vous faites les choses comme il faut. Dall'altro lato, basandoci sulle annotazioni di Libanio , intellettuale del IV secolo che nelle sue molteplici attività faceva anche l'insegnante di legge , si apprende che i libri di testo dei suoi studenti erano codici di pergamena. Servivano da materiale normale di scrittura nelle scuole, in contabilità, e per prendere appunti. FAUX; encore une contre vérité:

(à suivre)


Essa è strettamente legata alle contingenze economiche e politiche nella storia delle idee e delle religioni. La scrittura è la condizione per l'esistenza del testo e del libro. La scrittura, un sistema di segni durevoli che permette di trasmettere e conservare le informazioni, ha cominciato a svilupparsi tra il VII e il IV millennio a.

Le più antiche forme di scrittura conosciute erano quindi principalmente logografiche. In seguito è emersa la scrittura sillabica e alfabetica o segmentale. Quando i sistemi di scrittura furono inventati furono utilizzati quei materiali che permettevano la registrazione di informazioni sotto forma scritta: Lo studio di queste iscrizioni è conosciuto come epigrafia.

La scrittura alfabetica emerse in Egitto circa 5. Gli antichi Egizi erano soliti scrivere sul papiro , una pianta coltivata lungo il fiume Nilo. Inizialmente i termini non erano separati l'uno dall'altro scriptura continua e non c'era punteggiatura.

I testi venivano scritti da destra a sinistra, da sinistra a destra, e anche in modo che le linee alternate si leggessero in direzioni opposte. Il termine tecnico per questo tipo di scrittura, con un andamento che ricorda quello de solchi tracciati dall'aratro in un campo, è " bustrofedica ".

Furono infatti usate come mezzo di scrittura, specialmente per il cuneiforme , durante tutta l' Età del Bronzo e fino alla metà dell' Età del Ferro. Le tavolette di cera erano assicelle di legno ricoperte da uno strato abbastanza spesso di cera che veniva incisa da uno stilo. Servivano da materiale normale di scrittura nelle scuole, in contabilità, e per prendere appunti. Avevano il vantaggio di essere riutilizzabili: L'usanza di legare insieme diverse tavolette di cera romano pugillares è un possibile precursore dei libri moderni cioè il codex, codice.

Il papiro , fatto di materiale spesso simile alla carta che si ottiene tessendo insieme gli steli della pianta di papiro, poi battendolo con un attrezzo simile al martello, veniva utilizzato in Egitto per scrivere, forse già durante la Prima dinastia , anche se la prima prova proviene dai libri contabili del re Neferirkara Kakai della V dinastia egizia circa a.

Erano utilizzate anche le cortecce di albero, come per esempio quelle della Tilia , e altri materiali consimili. Secondo Erodoto Storie 5: La parola greca per papiro come materiale di scrittura biblion e libro biblos proviene dal porto fenicio di Biblo , da dove si esportava il papiro verso la Grecia.

Tomus fu usato dai latini con lo stesso significato di volumen vedi sotto anche la spiegazione di Isidoro di Siviglia. Che fossero fatti di papiro, pergamena o carta, i rotoli furono la forma libraria dominante della cultura ellenistica , romana , cinese ed ebraica. Viene chiamato codex per metafora di un tronco codex d'albero o di vite, come se fosse un ceppo di legno, poiché contiene una moltitudine di libri, come se fossero rami.

Un codice in uso moderno è il primo deposito di informazioni che la gente riconosce come "libro": La prima menzione scritta del codice come forma di libro è fatta da Marziale vedi sotto , nel suo Apophoreta CLXXXIV alla fine del suo secolo, dove ne loda la compattezza.

Gli autori cristiani potrebbero anche aver voluto distinguere i loro scritti dai testi pagani scritti su rotoli. La storia del libro continua a svilupparsi con la graduale transizione dal rotolo al codex , spostandosi dal Vicino Oriente del II - II millennio a. Fino al II secolo d. All'arrivo del Medioevo , circa mezzo millennio dopo, i codici - di foggia e costruzione in tutto simili al libro moderno - rimpiazzarono il rotolo e furono composti principalmente di pergamena.

Potrai pagarli due, e Trifone il libraio ci farà il suo guadagno comunque. Anche nei suoi distici, Marziale continua a citare il codex: Ce n'è una, che porta il titolo "Le Metamorphoses di Ovidio su Membranae " e dice:. I più antichi esemplari di libro erano sotto forma di volumen o rotolo e per lo più scritti a mano su papiro. Dal II secolo a. Nel mondo antico non godette di molta fortuna a causa del prezzo elevato rispetto a quello del papiro.

Tuttavia aveva il vantaggio di una maggiore resistenza e la possibilità di essere prodotto senza le limitazioni geografiche imposte dal clima caldo per la crescita del papiro. Il libro in forma di rotolo consisteva in fogli preparati da fibre di papiro phylire disposte in uno strato orizzontale lo strato che poi riceveva la scrittura sovrapposto ad uno strato verticale la faccia opposta.

La scrittura era effettuata su colonne, generalmente sul lato del papiro che presentava le fibre orizzontali. Non si hanno molte testimonianze sui rotoli di pergamena tuttavia la loro forma era simile a quella dei libri in papiro.

Gli inchiostri neri utilizzati erano a base di nerofumo e gomma arabica. Dal II secolo d. La vecchia forma libraria a rotolo scompare in ambito librario. In forma notevolmente differente permane invece in ambito archivistico.

Nel Medioevo si fanno strada alcune innovazioni: Il prezzo molto basso di questo materiale, ricavato da stracci e quindi più abbondante della pergamena, ne favorisce la diffusione. Ma bisogna aspettare la seconda metà del XV secolo per incontrare il processo di stampa tradizionalmente attribuito ad un'invenzione del tedesco Gutenberg. Questo mezzo, permettendo l'accelerazione della produzione delle copie di testi contribuisce alla diffusione del libro e della cultura.

La parola membranae , letteralmente "pelli", è il nome che i romani diedero al codex di pergamena ; il dono che i citati distici dovevano accompagnare era quasi sicuramente una copia dell'opera completa di Marziale, quindici libri in forma di codice e non di rotolo, più comune in quell'epoca.

Altri suoi distici rivelano che tra i regali fatti da Marziale c'erano copie di Virgilio , di Cicerone e Livio. Le parole di Marziale danno la distinta impressione che tali edizioni fossero qualcosa di recentemente introdotto.

Quando c'era bisogno di più spazio di quello offerto da una singola tavoletta, gli scribi ne aggiungevano altre, impilate una sopra all'altra e legate insieme con una corda che passava nei buchi precedentemente forati su uno dei margini: Sono stati rinvenuti "taccuini" contenenti fino a dieci tavolette. Nel tempo, furono anche disponibili modelli di lusso fatti con tavolette di avorio invece che di legno.

Ad un certo punto i romani inventarono un taccuino più leggero e meno ingombrante, sostituendo legno o avorio con fogli di pergamena: Il passo fu breve dall'usare due o tre fogli come taccuino al legarne insieme una certa quantità per trascrivere testi estesi - in altre parole, creando un codex nel senso proprio che usiamo oggigiorno. Ai romani va il merito di aver compiuto questo passo essenziale, e devono averlo fatto alcuni decenni prima della fine del I secolo d.

Il grande vantaggio che offrivano rispetto ai rolli era la capienza, vantaggio che sorgeva dal fatto che la facciata esterna del rotolo era lasciata in bianco, vuota. Il codice invece aveva scritte entrambe le facciate di ogni pagina, come in un libro moderno.

La prima pagina porta il volto del poeta. I codici di cui parlava erano fatti di pergamena ; nei distici che accompagnavano il regalo di una copia di Omero , per esempio, Marziale la descrive come fatta di "cuoio con molte pieghe". Ma copie erano anche fatte di fogli di papiro. In Egitto , dove cresceva la pianta del papiro ed era centro della sua manifattura per materiale scrittorio, il codex di tale materiale era naturalmente più comune della pergamena: Quando i greci ed i romani disponevano solo del rotolo per scrivere libri, si preferiva usare il papiro piuttosto che la pergamena.

È quindi logico credere che la stessa preferenza venisse usata per il codex quando questo divenne disponibile. I ritrovamenti egiziani ci permettono di tracciare il graduale rimpiazzo del rotolo da parte del codice. Fece la sua comparsa in Egitto non molto dopo il tempo di Marziale, nel II secolo d.

Il suo debutto fu modesto. A tutt'oggi sono stati rinvenuti 1. Verso il d. Il rotolo comunque aveva ancora parecchi secoli davanti a sé, ma solo per documenti; quello che la gente leggeva per piacere, edificazione o istruzione era praticamente tutto su codici.

I ritrovamenti egiziani gettano luce anche sulla transizione del codex dal papiro alla pergamena. Sebbene gli undici codici della Bibbia datati in quel secolo fossero papiracei, esistono circa 18 codici dello stesso secolo con scritti pagani e quattro di questi sono in pergamena.

Non ne scegliemmo alcuno, ma ne raccogliemmo altri otto per i quali gli diedi dracme in conto. Deios, a quanto pare un libraio ambulante, voleva vendere una quantità di almeno quattordici codici di pergamena, che interessavano un residente del villaggio egiziano. Il codex tanto apprezzato da Marziale aveva quindi fatto molta strada da Roma. Nel terzo secolo, quando tali codici divennero alquanto diffusi, quelli di pergamena iniziarono ad essere popolari.

In breve, anche in Egitto , la fonte mondiale del papiro , il codice di pergamena occupava una notevole quota di mercato. I codici più antichi che sono sopravvissuti fuori dall'Egitto risalgono al quarto e quinto secolo d. Sono tutti di pergamena, edizioni eleganti, scritti in elaborata calligrafia su sottili fogli di pergamena. Per tali edizioni di lusso il papiro era certamente inadatto. In almeno un'area, la giurisprudenza romana , il codex di pergamena veniva prodotto sia in edizioni economiche che in quelle di lusso.

Titoli di compilazioni celebri, il Codice teodosiano promulgato nel , ed il Codice giustinianeo promulgato nel , indicano che gli imperatori li facevano scrivere su codici, sicuramente di pergamena dato che erano più duraturi e più capienti e inoltre di ottima qualità, dato che erano prodotti sotto l'egida dell'imperatore.

Dall'altro lato, basandoci sulle annotazioni di Libanio , intellettuale del IV secolo che nelle sue molteplici attività faceva anche l'insegnante di legge , si apprende che i libri di testo dei suoi studenti erano codici di pergamena. Le ragioni erano buone: La caduta dell'Impero romano nel V secolo d. Il papiro divenne difficile da reperire a causa della mancanza di contatti con l' Antico Egitto e la pergamena , che per secoli era stata tenuta in secondo piano, divenne il materiale di scrittura principale.

I monasteri continuarono la tradizione scritturale latina dell' Impero romano d'Occidente. La tradizione e lo stile dell' Impero romano predominava ancora, ma gradualmente emerse la cultura del libro medievale. I monaci irlandesi introdussero la spaziatura tra le parole nel VII secolo. Essi adottarono questo sistema perché leggevano con difficoltà le parole latine.

L'innovazione fu poi adottata anche nei Paesi neolatini come l'Italia , anche se non divenne comune prima del XII secolo. Si ritiene che l'inserimento di spazi tra le parole abbia favorito il passaggio dalla lettura semi-vocalizzata a quella silenziosa. Prima dell'invenzione e della diffusione del torchio tipografico , quasi tutti i libri venivano copiati a mano, il che li rendeva costosi e relativamente rari.

I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni. In Età carolingia le più grandi collezioni raccoglievano circa volumi; nel Basso Medioevo la biblioteca pontificia di Avignone e la biblioteca della Sorbona di Parigi possedevano circa 2. Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso.

Il supporto di scrittura più usato nell'Alto Medioevo, la pergamena, o vellum pelle di vitello , doveva essere preparato, poi le pagine libere venivano pianificate e rigate con uno strumento appuntito o un piombo , dopo di che il testo era scritto dallo scriba , che di solito lasciava aree vuote a scopo illustrativo e rubricativo.

Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore [26]. Le copertine erano fatte di legno e ricoperte di cuoio.

Poiché la pergamena secca tende ad assumere la forma che aveva prima della trasformazione, i libri erano dotati di fermagli o cinghie. In quest'epoca si usavano differenti tipi di inchiostro , usualmente preparati con fuliggine e gomma, e più tardi anche con noce di galla e solfato ferroso.

Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature. A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus.

Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolai , che produssero sia materiale religioso che profano [28]. Nelle prime biblioteche pubbliche i libri venivano spesso incatenati ad una libreria o scrivania per impedirne il furto. Questi libri furono chiamati libri catenati.

Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi. Secondo la tradizione ebraica, il rotolo della Torah posto nella sinagoga deve esser scritto a mano su pergamena e quindi un libro stampato non è permesso, sebbene la congregazione possa usare libri di preghiere stampati e copie della Bibbia ebraica possano esser utilizzate per studio fuori della sinagoga.

Lo scriba ebraico sofer è altamente rispettato nell'ambito della comunità ebraica osservante. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamico , sviluppando tecniche avanzate di calligrafia araba , miniatura e legatoria. Un certo numero di città del mondo islamico medievale furono sede di centri di produzione libraria e di mercati del libro.

Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa". In xilografia , un'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intarsiata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina.

Questo metodo ebbe origine in Cina , durante la Dinastia Han prima del a. Il libro più antico stampato con questo sistema è il Sutra del Diamante d. I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. Questa invenzione gradualmente rese i libri meno laboriosi e meno costosi da produrre e più ampiamente disponibili.

La stampa è una delle prime e più importanti forme di produzione in serie. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli. Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio. Da notare la libreria capsa , il leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica.

Leggio con libri catenati , Biblioteca Malatestiana di Cesena. A compter de ce point, vous proposez ensuite au lecteur de visiter virtuellement votre bien, en détaillant pour chacune des pièces les éléments suivants:. Après chaque description, il faut rajouter le bloc action que nous avons vu au 3.

Détaillez tous les éléments de votre bien. Ce bloc est très important. Il correspond à ce que les personnes demandent en général. Autant tout leur dire tout de suite, vous gagnerez du temps. Les gens aiment bien les photos. Donc vous pouvez, tout à la fin de votre page de vente, proposer aux gens de recevoir de nouvelles photos par mail. Il vous suffit de leur demander leur adresse mail avec un simple formulaire. Quand vous êtes sur Adsense, vous apparaissez partout, sur une majorité de sites et en meilleure place.

Vous pouvez en tirer les conclusions que vous voulez pour réaliser les vôtres, en vous basant sur ces 7 annonces. Les deux dernières étapes de cette méthode sont donc les deux étapes logiques qui suivent tout votre travail en amont. Certaines choses ne peuvent pas être retranscrites sur une page de vente, tout comme avec la parole.

Préférez toujours être placé derriere vos visiteurs, afin que ce soit eux qui décident où ils veulent aller. Si vos photos ont été assez explicites et assez nombreuses, ils vont reconnaître eux-même toutes les pièces. Peu de gens vous feront une proposition tout de suite après la visite.

En général, ils rappellent, et vous demande de négocier le prix. Il vous expliquera tout ce que vous aurez à faire à compter de maintenant. Vous pouvez déposer une annonce sur le bon coin. Et la détailler aussi bien que sur la page de vente. Je vous recommande de payer les 2 euros supplémentaires pour mettre 10 photos en tout.

Ou alors dans la description, indiquez que vous fournissez plus de photos par mail. Pensez impérativement à rendre ces bandes détachables facilement sinon, le premier qui sera intéressé arrachera votre affiche. Pour ce format, soyez plus concis.

Rajoutez bien évidemment le nom du site web qui héberge votre page de vente. Si vous comptez mettre des mini affiches, alors mettez la même chose, avec là ausi des bandes détachables prédécoupées.

Ou créer un duplex en rajoutant un escalier entre les deux. Ou creuser une porte entre deux appartements voisins. Comme vous le voyez, les manières de vendre votre bien immobilier tout seul sont légion.

Alors forcément, cela vous prendra du temps. Pas mal de temps même, si vous faites les choses comme il faut. Mais rappelez-vous que cela vous coutera aussi largement 10 fois moins cher que de faire appel à une agence immobilière.

Et bien entendu, si vous avez des questions, je reste à votre disposition dans les commentaires ci-dessous. Pour vos blogs, vos sites, vos annonces, vos pages de vente… pour tout…. Yvon vous recommande le blog Univoix. Cliquez ici pour voir la vidéo…. Merci pour cet article. Même si je ne suis pas sur le point de vendre un bien immobilier, il pourra me servir un jour.

Et puis, il confirme une fois de plus que le copywriting existe dans tous les business. Merci pour ton commentaire. Merci pour cet article intéressant, je vais enfin pouvoir aider un de mes proches à vendre son bien immobilier ;. Oui ça fonctionne bien évidemment pour la location aussi.

Je sauvegarde cet article dans un e mes carnets Evernote. Merci pour ce partage. Merci pour cet article très original. Bonjour Yvon Cet article est une bénédiction pour moi. Depuis le temps que ma maison est en vente en agence sans aucun résultat.

Ce serait sympa que tu reviennes ici ou là bas pour parler de ton expérience: Voire même un petit article invité? Pas trouvé la case du formulaire dont tu parles Yvon. Du coup, me suis inscrit sur ton site mais pas trouvé le fichier zip non plus. Change de navigateur au besoin. Ca date de Et Adwords ne refuse pas du tout ce genre de campagne.

Bonjour, A en croire les agences immo, elles sont indispensables mais ton travail de présentation est remarquable, ça décomplexe bien finalement! Yvon est tout à fait sur le bon chemin, mais cela ne suffit plus de nos jours pour: Et ça se fait au moment du compromis.

Elles se vendent juste moins cher. Il y a toujours des gens qui recherchent et des gens qui vendent. Crise ou pas crise. La page de vente est là pour faire une visite virtuelle. La campagne Adwords est là pour trouver des gens intéressés. Cela dit, je remarque que ton site et ta connexion se fait de Belgique. Est-ce que tu as inclus ces différences dans ton blog? Salut Yvon, Bon article comme toujours. À cette allure, tu finiras par tout faire avec le copywriting.

Donc je partage et on verra. Sur ce, je me casse. Voilà un bon créneau, tu ne trouve pas? Merci beaucoup pour cet article. Cela fait un bout que je me dis que je devrais faire quelque chose dans ce genre-là pour vendre ma propriété.

Je vis dans une grande ville. Pas de veine… Merci encore, je vais quand même essayer je crois bien. Merci pour ce cadeau de la page de vente. A moins que ce ne soit déjà fait…. Sacré travail … de Pro! Trèèèèèèèèèèèèèèèèèès grand article, mais trèèèèèèèèès bonne qualité: Bonjour, est ce que cela fonctionne aussi au niveau du référencement si on utilise des sous domaines:. Seul les résultats comptent, et quels résultats! Il faut savoir en extraire le nectar ;-. Que de travail pour vendre un appart!

Cela coûte un peu mais on gagne beaucoup sur le prix de vente. Merci pour ces informations qui sont très intéressantes.